: PERCHÉ

Info: un manifesto d’intenti che viene da lontano e sempre in progressione, punto per punto, citando passaggi di articoli che meglio rappresentano l’ideale che muove AMN. I primi tre articoli sono del già MD AMN; l’ultimo articolo è dell’ideatore di Comunitàzione, il primo storico social network italiano dedicato alla comunicazione, partner AMN.
Continua : COME

#this

d 2009 COMUNICARE
d 2011 PROFILARE
d 2012 INFORMARE
d 2020 CONNETTERE
s ora

> this.define(ora)
> this.include(2009 2011 2012 2020).echo()

: COMUNICARE

era il 2009. C’è un prodotto/servizio… ci sono un brand e un’informazione da “spingere”. Ci sono competitori più o meno forti che si muovono in scenari più o meno “concreti”. C’è un fruitore dell’informazione sempre più attivo e consapevole del suo “potere”. E poi ci sono quei modelli comunicativi standardizzati che teoricamente dovrebbero permettere di fare la differenza. Dico, teoricamente, perché nella pratica la teoria cozza con l’esigenza concreta di penetrare in quei contesti sociali in cui si muove il nostro ideale fruitore del messaggio… Dai! comunica con me

: PROFILARE

era il 2011. Le azioni legali (e legittime) con cui un Gruppo di Pressione lavora per perorare la causa di una Committente partono sempre da un evento catalizzatore che definisce gli intenti dell’azione. […] Una volta ottenuto mandato, il Gruppo di Pressione si muoverà dai “salotti” alla carta stampata, dalla televisione a Internet, dalla radio alla piazza, dai raduni pubblici agli incontri in agenda con i rappresentati delle Istituzioni, dagli uffici istituzionali ai meeting aziendali, e via di seguito, scegliendo di volta in volta le strategie in base all’assunto: efficace azione di pr in supporto dei segmenti d’attività più sensibili al mutare della pubblica opinione. Il che può essere tradotto, sinteticamente, in tre linee guida operative, in ordine decrescente di ROI… Il lobbista: tra mistificazione e realtà della professione

: INFORMARE

era il 2012. E’ un termine che conosciamo più o meno tutti. C’è chi lo anglicizza in “social news”, chi lo etichetta costruendoci attorno modelli di “giornalismo collettivo” e chi lo chiama “informazione dal basso”. E’ la Disintermediazione, un fare e muovere cultura dell’informazione fondata sul passaparola e in cui i punti di riferimento si spostano […] Referenti della notizia diventano amici, colleghi di lavoro, competitori, esperti della comunicazione, opinionisti, sconosciuti che propagano l’onda sfruttando il meglio dei social e del web. Niente di nuovo sotto il sole. L’indotto è conosciuto e praticato da anni… Disintermediazione delle informazioni

: CONNETTERE

è il 2020. “non appartengo ad una generazione, non mi rappresenta nessuna classificazione perché ho un legame mentale, dell’agire e del sentire con tutta una serie di persone. Non è possibile collegare queste persone tra loro per via della data di nascita, per anagrafica, ma solo per le modalità d’azione che hanno scelto”. È uno modo d’agire che lega tra loro persone nate chissà quando: sono tutti quelli che hanno vissuto in pieno la terza rivoluzione industriale, surfando sulle onde della “disruption” cavalcando l’energia che ha modificato, veramente, tutto. Siamo la generazione che ha contribuito a costruire l’internet e ha scritto le regole del gioco, fondando startup tecnologiche che oggi guidano questo pazzo mondo in continua trasformazione… La prima generazione di surfer, la mia